SCUOLA DI CUCINA | STELLE DELLA RISTORAZIONE 2017: PREMIATI DOCENTI E DIPLOMATI ACCADEMIA ITALIANA CHEF

//SCUOLA DI CUCINA | STELLE DELLA RISTORAZIONE 2017: PREMIATI DOCENTI E DIPLOMATI ACCADEMIA ITALIANA CHEF

L’eccezionale cornice di Matera, la città dei Sassi, Patrimonio Mondiale UNESCO, ha ospitato il 13 e il 14 Marzo l’annuale edizione del Simposio Nazionale dell’Associazione Professionale Cuochi Italiani – APCI “Le Stelle della Ristorazione”, alla presenza di oltre 150 chef provenienti da tutta Italia e dall’estero.

La cerimonia di consegna del prestigioso riconoscimento “Stelle della Ristorazione” si è svolta nell’Aula Magna della Camera di Commercio di Matera. La giacca e l’emblema che i Cuochi e gli Chef hanno ricevuto rappresentano un vero e proprio simbolo del valore del loro lavoro
I Docenti dell’Accademia Italiana sono stati encomiati per il loro continuo operato nell’ambito della formazione professionale svolta all’interno della nostra Scuola di Cucina e per la loro quotidiana passione, determinazione e competenza nella creazione dei Professionisti del Domani.

Un impegno che i nostri Docenti portano avanti come una Missione, una passione e una dedizione che non mancano di essere ripagate. Durante l’Edizione 2017 del Simposio Nazione sono stati infatti numerosi i Cuochi e gli Chef, diplomati della nostra Accademia, che hanno ricevuto l’ambito premio della Stella della Ristorazione 2017, un grande riconoscimento l’impegno e la professionalità espressi nel lavoro quotidiano.
Ecco i loro nomi: Enrico Piano, Simone Muratore, Gianfranco Verdecchia, Luca Soldani, Jenel Grigore, Federico Lozio, Adrian Bardac, Denisia Congi, Alessio Milani, Massimiliano Gorri, Marcella Schillaci, Carlo le Rose, Kevin Mazzurco, Lorenzo Basilio Grasso, Kujtim Stafa, Tchuemtchoua Youdom Dangla. Ecco una Gallery di alcuni di loro.

L’evento è stata l’occasione per sottolineare come nella ristorazione i risultati si ottengano lavorando insieme per un obiettivo comune: il successo della cucina italiana. L’importanza di “fare squadra” è stato il filo conduttore dell’evento.
Fare squadra – commenta Roberto Carcangiu, presidente dell’APCI – è la via per comprendere meglio il mercato e per mettersi al servizio del nostro cliente. Le diversità vanno valorizzate per creare un percorso comune che può solo fare bene al nostro settore. In questo la nostra associazione è in prima linea ed è questo lo scopo del ritrovarsi. Vogliamo che emergano idee e progetti che possano portare beneficio a tutti noi”.
Diversità che vanno a braccetto, per esempio, nell’apprendere come utilizzare nelle proprie cucine i prodotti del territorio, abbinati a prodotti industriali di altissima qualità, creando nuovi sapori e nuove ricette. E imparando a valorizzare, sempre, il nostro sapere, sia che si tratti del saper perpetuare la coltivazione di un prodotto tipico, sia che si tratti di applicare nuove tecnologie nelle imprese alimentari, per ottenere prodotti di qualità sempre più alta.
Fare squadra in un ristorante significa anche imparare a proporre al cliente i giusti abbinamenti tra i propri piatti e i vini proposti, come ha sottolineato nel suo intervento Mario Busso, curatore della guida Vini Buoni d’Italia. In questo modo si valorizzano tutti i prodotti del proprio territorio, ingredienti e vitigni, esaltando la nostra agricoltura e la nostra cucina. Lo stesso concetto è stato portato avanti da Claudio Papa, maestro cioccolatiere e confettiere che ha sottolineato l’importanza di un lavoro comune per ottenere risultati importanti.
La due giorni si è conclusa con una Cena di Gala, preparata dagli chef della neo nata Delegazione APCI Basilicata.