Scuola di Cucina professionale, Arrivate le Statistiche mondiali: Il Cuoco è il mestiere del futuro

//Scuola di Cucina professionale, Arrivate le Statistiche mondiali: Il Cuoco è il mestiere del futuro

Sarà la figura più richiesta entro il 2018!

Il cuoco è una delle professioni più ricercate del momento. Sfogliando gli annunci si trovano infatti, molte offerte rivolte a questa figura e, nonostante il periodo di crisi, non è sempre facile, per gli operatori della ristorazione, reperire risorse qualificate, ma non è niente rispetto a quello che sarà il prossimo futuro di questa professione.

“La richiesta di Cuochi Professionisti è in grande aumento”.

Questo è quanto emerge dagli studi della US Bureau of Labour Statistics, una delle principali agenzie d’oltreoceano che si occupano  di statiche ed economia del lavoro.
Il Cuoco sarà infatti il mestiere del futuro, arrivando nei prossimi 5 anni ad essere la figura professionale più richiesta in assoluto! E la tendenza evidenziata dalla US Bureau riguarderebbe anche il nostro Paese.
Sappiamo che la figura del cuoco ha il pregio di essere sempre più richiesta e necessaria ed anche molto ben retribuita. Nella ristorazione italiana, ad oggi ,operano circa 160mila imprese, con grandi realtà nell’alta cucina e nella ristorazione collettiva che necessitano continuamente di Professionisti da inserire all’interno del proprio organico. Ma un ruolo vitale lo farà anche l’estero dove il Cuoco Professionista Italiano risulta essere una figura la cui ricerca è in continuo aumento: merito del Must “Made in Italy”.

Ma quanto guadagna un cuoco?

Un cuoco Professionista diplomato in una buona scuola di cucina professionale con buona esperienza e capacità può guadagnare tra i 3-4.000 euro mensili (Cuoco di terzo livello). Ma il compenso può dipendere anche dal ristorante e dalle mansioni che il professionista riesce a svolgere con successo. Quindi lo stipendio può anche salire in modo marcato.
Ecco gli ultimi dati in proposito
 (fonte: libero.it, panorama e dissapori.com)
(N.B. nel linguaggio internazionale la parola Cuoco si traduce “Chef”. In realtà è un vocabolo francese usato per indicare il “capo o comandante” e in italiano è una figura professionale della ristorazione responsabile della cucina.)

EXECUTIVE CHEF O CHEF – 7000 euro.
Coordina, motiva e ispira la sue equipe, decide la linea di cucina, è in contatto diretto con la direzione e i fornitori. Guadagna il 20% del fatturato di un ristorante. A spanne, in una struttura importante sui 7.000 euro.

SOUS CHEF O SECONDO O CHEF IN SECONDA – 4000/4500 euro.
Alter ego dello chef: lo aiuta o lo sostituisce quando è assente.

JUNIOR SOUS CHEF O CUOCO – 2000 euro.
E’ pagato poco più dei capipartita, ma è quello in corsa per il ruolo di sous chef.

CHEF DE PARTIE O CAPOPARTITA – 1800 euro.
Responsabile delle preparazioni. Il ruolo delicato è quello dello chef saucier, l’addetto alle salse calde, oggi raro. Nelle realtà più piccole l’assegnazione dei compiti è molto fluida.

CHEF GARDE-MANGER – 1400 euro.
Responsabile dell’approvigionamento, conservazione e “sporzionamento” di carni e pesci da passare alle diverse partite.

CHEF ENTREMETIER – 1300/1400 euro.
Tradizionalmente si occupa dei piatti a base di uova, di verdura e delle guarnizioni. Nei ristoranti italiani ha una posizione di rilievo perché prepara i primi piatti.

CHEF PASTISSIER – 3000/3500 euro.
Prepara dessert e piccola pasticceria. Negli alberghi fa anche pane e cestino di sfoglie per la prima colazione.

COMMIS O AIUTO CUOCO – 1000 euro.
Sono numerosi, assegnati ad aiutare gli chef de partie durante il servizio e al riordino della cucina.

CHEF TOURNANT – 2000/2200 euro.
Rimpiazza i vari chef di partita assenti oppura in congedo.

Qual è quindi il know how che deve avere un buon cuoco? Un cuoco non è soltanto colui che, con ingegno e creatività propone piatti invitanti e gustosi. Un buon cuoco è un professionista della ristoranzione ad ampio raggio. E’ colui che, con umiltà e grande forza di volontà ha studiato, creando il proprio know how e diventando una figura di riferimento in cucina, in grado di progettare, elaborare ed eseguire un menù, dirigere le risorse umane, organizzare le dinamiche lavorative e logistiche del locale in cui opera.

TI PIACE L’IDEA?

I Professionisti dell’Accademia Italiana Chef hanno l’obiettivo di formare valide figure professionali in grado di entrare nel mondo del lavoro e crearsi la propria carriera di successo.
Quindi non perdere tempo e fai oggi il tuo primo passo >> CALENDARIO CORSI  >> DETTAGLIO CORSO DI CUOCO PROFESSIONISTA