SCUOLA DI CUCINA NEWS | “UNA SERATA ALL’INSEGNA DI TALENTO CULINARIO, SAPORI E SAPERI

//SCUOLA DI CUCINA NEWS | “UNA SERATA ALL’INSEGNA DI TALENTO CULINARIO, SAPORI E SAPERI

IMG168-ott

SCUOLA DI CUCINA NEWS:

E’ andato in scena Sabato 6 Giugno, presso la sede milanese dell’Accademia Italiana Chef, in via Adelaide Bono Cairoli 30, l’esclusivo evento “Porte aperte all’Accademia Italiana Chef“, una serata in cui la nostra realtà si è mostrata a quanti si sono recati per conoscere da vicino il nostro mondo e il lavoro professionale.

Una serata speciale tra gusto e segreti di alta cucina pensata e realizzata per tutti i desiderosi di conoscere questo mondo ricco di creatività.

La serata è stata diretta dalla competenza e simpatia di due docenti di punta della nostra Accademia, l’Executive Chef Claudio Olivieri e dall’Executive Chef Francesco Tursi, entrambi Stelle della Ristorazione. I due docenti, apprezzati dagli allievi per la disponibilità, le competenze professionali e per le loro doti umane, hanno illustrato le basi del lavoro professionale, rispondendo alle domande sull’arte culinaria, sulle ricette cardine della nostra cucina, ma anche sulla formazione accademica e sulle numerose occasioni di lavoro disponibili per i nuovi diplomati, tra cui le opportunità che la nostra Accademia offre loro grazie agli accordi esclusivi sanciti con Partner di rilievo mondiale come Ferrarini e Hotelplan-Turisanda.
L’evento ha anche visto protagonisti ex allievi, ormai Diplomati, ma anche attuali corsisti esibirsi in emozionanti dimostrazioni. Gli show cooker sono stati i protagonisti di un vero spettacolo: con la competenza e l’attenzione dei grandi professionisti si sono esibiti davanti agli sguardi di ammirazione dei presenti. Destreggiandosi ai fornelli, animati dal ritmo della passione, hanno dato vita a piatti di alto valore culinario: una grande soddisfazioni per i docenti e per l’intero staff.

Curiosi di conoscere chi sono stati gli artisti del Gusto che, come in una danza, hanno creato i loro piatti? Scopriamo insieme loro e le creazioni proposte.

DAVIDE ACQUAFERMATA: Davide ha così commentato la sua creazione: “Ho proposto una pasta con polpa di granchio, un piatto molto delicato, veloce da preparare e cucinare, pochissimi grassi e moltissimo gusto, una gioia per il palato! Sotto una corazza dura e impenetrabile di questo crostaceo, difficile da catturare, un sapore eccellente delle carni bianche e delicate.” Una creazione dettata dalla passione per la cucina, che Davide ha presentando ricorrendo a due citazioni mitologiche:
Giordano Bruno – Spaccio de la bestia trionfante (1584).
Dialogo primo – Parte seconda
Per essersi con lesa maestà di noi altri dei vantato il padre di aver sostenuti noi e il cielo ruinante, o pur per aver in che mostrar la sua leggerezza ai numi che vi l’han condotte. Perchè Giunone ha ornato il Granchio di nove stelle”
DIZIONARIO MITOLOGICO – 1816
Cancro, o il Granchio, fu l’animale che Giunone spedì contro Ercole, allorchè egli combatteva l’idra di Lerna, e da cui fu morso sul piede. Ercole l’uccise; e Giunone lo pose nel numero de’ dodici segni del Zodia.”

ELIZABETH BARILLA: Elizabeth, allieva dell’Accademia Italiana Chef ha preparato un piatto a base di Arepa, dal nome “Queen Elizabeth”. “Risalente al 1539, la pietanza è costutuita essenzialmnete da farina di mais che gli indigeni venezuelani e colombiani chiamavano arepa. In questa occasione ho presentato due tipi di accompagnamento, vista la sua versatilità che ben si sposa con la fantasia del cuoco: arepa con pollo al tamarindo e ananas e arepa con pollo avocado cipollotti novelli e una salsa speciale“.

FRANCESCA TARABINI: Francesca ha proposto un “Doppio fuoco ripieno”, un piatto esclusivo che le ha consentito di esaltare i sapori semplici della cucina italiana reinventandoli in un connubio speciale! All’inetrno dello scrigno di peperone è stato inerito un fondo di stracciatella e peperoni cotti in questo formaggio delicato e avvolgente. E per coronare tutti i sapori, Francesca ha aggiunto una fantastica forma d’uovo con una salsa di basilico!

FRANCESCO LOMBARDO: Francesco, 21 anni e una grande determinazione a diventare un artista del gusto, ha proposto il suo piatto “Delizie di Mare”, nato dall’idea di unire i sapori del mare con la freschezza dei prodotti dell’orto, arricchiti dal colore e dal sapore dello zafferano, per esaltare il mare e il sole della Calabria. Un piatto creato da lui, pensato per essere servito sia caldo, che freddo, inserito nell’occasione all’interno di una coppa di melone per donargli ulteriori freschezza e gusto.

JEFFERSON SANTOS ALMEIDA: Jefferson assistente dello Chef e studente della nostra Accademia ha preparato il “Bobo de camarao”, un piatto tipico dell’arte culinaria afro brasiliana. Di consistenza cremosa, é preparato con gamberi, soffritto con spezie verdi e latte di cocco, unito ad una purea di manioca e olio, zenzero, succo di limone e peperoncino. Ha poi presentato il suo piatto, accompagnandolo a del riso bianco al latte di cocco.

MARIA DANIELA DOBREA: Maria Daniela Dobrea ha preparato una “Salamoia di Pesce alla Maria”, una rivisitazione di un piatto rumeno, tipico della tradizione culinaria propria della costiera marittima del secolo scorso.
Orata in fumetto di pesce pomodoro peperone prezzemolo cingru peperoncino aglio, servito in letto di polenta.

NADIA GIARDINA: Nadia ha preparato un piatto chiamato Ciao sono Nadia Giardina “Lamella di pasta rustica al profumo di mare con fieno di sedano croccante”. “Questo piatto l’ho creato per il mio esame, ho fatto questa lamella di pasta con farina di grano saraceno aromatizzata al limone, ho voluto unire questa farina rustica con un pesce delicato come la coda di rospo. Altro ingrediente è il pesto al sedano, con cui ho aromatizzato una besciamella ottenuta con un fumetto di pesce
Per dare una nota di croccantezza Nadia ha usato dei fili di sedano fritti e il melograno il cui succo è stato utilizzato per la cottura del pesce.
Dagli ingredienti utilizzati è nato il nome del piatto.

STEFANIA BUSINARO: Stefania Businaro, diplomata del corso di pasticceria, ha così commentato la sua creazione “Non dimenticherò mai il mio primo giorno in Accademia, i preziosi insegnamenti e lo spirito e l’esortazione a creare trasmessomi. Ecco…con quello spirito nasce la mia Torta Chinottina. Ho deciso di sfidarmi perché per me la pasticcera è anche questo..Amore,creatività, studio e voglia di mettersi in gioco. Volevo creare qualcosa in onore della mia terra e per farlo ho cercato un’ingrediente, un presidio slow food della regione Liguria, il Chinotto di Savona. Un agrume particolare, dal gusto sorprendente, dimenticato o considerato di nicchia. Ho studiato provato e riprovato e alla fine ho raggiunto il risultato desiderato. La Torta Chinottina è composta da uno Streusel di farina di mandorle e nocciole, cannella e zenzero, uno strato di marmellata di Chinotto, un morbido disco di pan di Spagna al cacao, un secondo velo di marmellata al chinotto e un cremoso al liquore Strega impreziosito da pepite di lampone.” Stefania ha poi decorato la sua creazione con due semisfere di Chinotto al Maraschino, Zenzero candito e cannella.

Le creazioni dei nostri Show-cookers non sono state solo una chiara dimostrazione di competenza e creatività, ma un vero e proprio viaggio nel gusto, nell’arte culinaria in tutte le sue esplicazioni di spazio e tempo: una vera avventura!

Di seguito, vi proponiamo una serie di foto della serata

Ringraziamo gli allievi e i diplomati che si sono messi in gioco e si sono raccontati, portando la loro dimostrazione formativa e professionale e coloro che hanno preso parte alla serata con la curiosità, l’attenzione e la voglia di scoperta.

demoserataRicordiamo a tutti gli interessati al corso di Cuoco Professionista a Milano che non hanno potuto essere presenti alla serata del 6 Giugno e a tutti coloro che vogliono conoscere meglio la nostra Accademia, che il 20 Giugno, presso la sede di Via Adelaide Bono Cairoli 30 a Milano, verrà effettuata “Professionando“, una serata dimostrativa del Corso di Cuoco Professionista.
>>Clicca qui per i dettagli